nat gentile    
BENVENUTO
 


Foto e immagini
Immagini varie

Top - Siti web
Bridge Olona (IT)
il bersagliere (IT)
parco delle cave (IT)
Steve Hamaoui (IT)
cascina linterno (IT)
Speleo sub (IT)
legatoria (IT)
shadow (IT)

Archivio bridge
_____________________
Legatoria Jollylegart

Relazione di un restauro

 
il mio blog


Date da riccordare

La battaglia della Foresta di Teutoburgo, chiamata clades Variana (la disfatta di Varo) dagli storici romani, si svolse nell'anno 9 d.C. tra l'esercito romano guidato da Publio Quintilio Varo e una coalizione di tribù germaniche comandate da Arminio, ufficiale delle truppe ausiliarie di Varo, ma segretamente anche capo dei Cherusci. La battaglia ebbe luogo nei pressi dell'odierna località di Kalkriese, nella Bassa Sassonia, e si risolse in una delle più gravi disfatte subite dai Romani: tre intere legioni (la XVII, la XVIII e la XIX) furono annientate, oltre a 6 coorti di fanteria e 3 ali di cavalleria ausiliaria.

Per riscattare l'onore dell'esercito sconfitto, i Romani diedero inizio a una guerra durata sette anni, al termine della quale rinunciarono a ogni ulteriore tentativo di conquista della Germania. Il Reno si consolidò come definitivo confine nord-orientaledell'Impero per i successivi 400 anni.

 

 

La cometa di Halley, il cui nome ufficiale è 1P/Halley, è la più famosa e brillante delle comete periodiche provenienti dalla Fascia di Kuiper, le quali passano per le regioni interne del sistema solare ad intervalli di decine di anni, a differenza delle migliaia di anni delle comete provenienti dalla Nubedi Oort. È così chiamata in onore di Edmond Halley, che per primo ne predisse il ritorno al peielio.

L'incontro del 1986 è stato meno favorevole per le osservazioni: la cometa non ha raggiunto la luminosità degli incontri precedenti, e, con l'aumento dell'inquinamento luminoso dovuto all'urbanizzazione, molte persone non l'hanno vista affatto. Comunque, lo sviluppo del viaggio spaziale ha dato agli scienziati l'opportunità di studiare una cometa da vicino, e molte sonde furono lanciate con tale obiettivo. La più spettacolare è stata la sonda Giotto, lanciata dall'Agenzia Spaziale Europea, che è passata vicino al nucleo della cometa. Altre sonde sono state Vega 1 e Vega 2 dell'Unione Sovietica, le due sonde giapponesi, Suisei e Sakigake e la sonda statunitense ICE.

La cometa di Halley ritornerà nel 2061


Articoli contenuti nel sito
le opinioni non devono mai andare in carcere
Inserito il 04 aprile 2018 alle 13:00:28 da Susanna Marietti.

Carles Puigdemont, le opinioni non devono mai andare in carcere

Le opinioni non dovrebbero mai venire incarcerate. Ce lo ricordano plasticamente questi giorni, nei quali tutto il mondo celebra la storia di un uomo che fu crocefisso a causa delle idee che propagandava. Le opinioni non dovrebbero mai essere represse con lo strumento penale. Ogni potere costituito dovrebbe essere sufficientemente forte da combatterle, quando siano da combattersi, con le armi della cultura, dell’informazione, del dialogo, della lotta politica.

Carles Puigdemont si trova in un carcere tedesco dal 25 marzo scorso. Otto componenti dell’ex governo catalano sono in galera da novembre, pochi giorni dopo la dichiarazione unilaterale dell’indipendenza della Catalogna. Rischiano tre decenni di carcere per ribellione, sedizione e altre accuse legate al referendum dello scorso primo ottobre.

È una follia che questo possa accadere. Alla dialettica politica e al democratico scontro tra le parti dovrebbe essere affidata la questione catalana, così come tutto ciò che riguarda i cosiddetti reati di opinione. Che a tutto questo si possa sostituire il carcere denota un utilizzo colpevolmente distorto dello strumento penale. Le opinioni vanno sconfitte con le opinioni, le posizioni politiche con le posizioni politiche. Affidarsi al codice penale e al carcere è segno di debolezza. Sempre. Lo è in Spagna come in Turchia, negli Usa come in Italia.

Anche in Italia ogni tanto c’è qualcuno che rispolvera le vecchie categorie dei delitti di opinione per provare a incarcerare i dissenzienti. Erri De Luca nel suo La parola contraria racconta in modo autobiografico l’odissea subita per avere espresso parole contro chi voleva la Tav a tutti i costi. Alcuni giudici volevano addirittura che andasse in prigione per questo. Altri giudici, molti anni prima, si erano inventati teoremi giudiziari contro chi aveva espresso la parola contraria negli anni 70 italiani. Ancora, sono state rispolverate le norme del codice Rocco fascista contro i secessionisti padani.

Le opinioni politiche non vanno mai giudicate da un pubblico ministero. Chi le esprime non va mai messo dietro le sbarre. La democrazia costituzionale deve avere dentro di sé ben altri anticorpi per rendersi immune da chi vi si contrappone. La risposta carceraria è una liturgia non democratica. È una follia che Puigdemont, Junqueras e gli altri vedano questa Pasqua da dentro una cella.


Cerca nel sio natgentile o sul web con Google ---------------- Un Programma gratis al giorno
Google
Web www.natgentile.it
Giveaway of the Day

 
Il segno del mese
Auguri ai nati sotto il segno
Lunedi` 10 Dicembre 2018

Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 -- -- -- -- -- --

Questa settimana

Previsioni Meteo


___________________
La mappa Libera


Inno meridionale

__________________

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

 
 © Nat Gentile 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.4
Questa pagina è stata eseguita in 0,0546875secondi.
Versione stampabile Versione stampabile